logo-cinegusti

6

6,1

Aladdin

Direttore

Guy Ritchie

Stars

Will Smith, Mena Massoud, Naomi Scott

Scrittore

John August, Guy Ritchie

Produttore

Durata

2h 8min

Deals
Anno di produzione

2019

Aladdin, perdutamente innamorato della principessa Jasmine, rinviene una lampada che scoprirà essere magica. Essa tiene prigioniero un genio il cui destino è di esaudire tre desideri al possessore della lampada.

Nel 2019 la Walt Disney Company porterà sul grande schermo tre attesissimi live action: Dumbo, , il Re Leone e Aladdin. Tolto il classicissimo dedicato all’elefantino, chi è nato negli anni ’90 sa’ quale impatto hanno avuto gli altri due nell’immaginario di quel decennio. Due film, Aladdin e il Re Leone di cui conosciamo a memoria praticamente ogni canzone e del Genio blu della lampada quasi ogni battuta.

La trama, in Aladdin, è praticamente la stessa, con pochissime novità. Ci troviamo ad Agrabah, città dell’incanto e del mistero; città che sorge tra deserto e mare in quel luogo incantato che è l’Oriente. Su un vascello, di modeste dimensioni, un mercante estroverso inizia il racconto di un giovane che si ritrova tra le mani una lampada destinata a cambiare per sempre la sua vita, un giovane ladro di nome Aladdin. Tuttavia prima di essere manipolato dall’arrivista ed egocentrico Jafar, il giovane conosce una giovane “popolana” della quale si innamora perdutamente.  

Guy Ritchie porta sullo schermo il nuovissimo live action di casa Disney, ispirandosi non poco al classico del 1992. Ritroviamo tutti i personaggi del lungometraggio animato: la bellissima Jasmine, Jafar, Abu, Rajah e, in questo caso, il non troppo goffo Sultano. Tra di essi anche l’attesissimo Genio della lampada, che ha l’aspetto del sempre talentuoso, Will Smith. Ed è certamente lui, il personaggio più atteso. Chi ricorda il cartone del 1992 sa perfettamente due cose, la prima: che il genio è doppiato dal grande Gigi Proietti, e che Proietti, con questo film, ci ha regalato uno dei momenti più alti e forse irraggiungibili del doppiaggio italiano. La seconda è che negli USA il genio è stato interpretato dall’immenso Robin Williams! Se consideriamo tutti questi elementi è chiaro che il ruolo del Genio non era assolutamente facile da gestire. A nostro avviso Will Smith fa bene quello deve fare. Non cerca di imitare Robin Williams, né cerca di superarlo. il suo Genio è una sorta di principe di Bel Air di altri tempi; lo interpreta portando la sua carica istrionica. Anche i due protagonisti della storia, Aladdin e Jasmine sanno ben interpretare i loro rispettivi ruoli, ma mentre il primo ripercorre pedissequamente tutte le scene del cartone, la seconda ha la possibilità di poter essere meno principessa e più donna, confermando la linea Disney che vuole i personaggi femminili liberi dagli stereotipi del passato. Decisamente sottotono la figura di Jafar che non impressiona per nulla.

 

GUSTO: è un classico Disney, non serve aggiungere altro

SCENA CULT: la scontatissima scena dell’ingresso ad Agrabah del grande principe Alì Ababwa.

VOTO: 6

Bill

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sorry, no post found.

6

Okay