logo-cinegusti

7

5.2

GHOSTBUSTERS

Direttore

Paul Feig

Stars

Melissa McCarthy, Kristen Wiig, Kate McKinnon

Scrittore

Produttore

Durata

1h 56min

Deals
Anno di produzione

2016

Sfidando lo scetticismo degli accademici che le ritengono delle impostrici, quattro donne, armate di zaini protonici, si battono contro un'orda di fantasmi malvagi che sta per invadere New York.

[PREMESSA DOVEROSA NR. 1: Il titolo, che non riporta il numero 3, fa intuire che non si tratta di un sequel, bensì di un reboot. Quindi il film è aperto a tutti, anche a chi non abbia idea di chi siano Peter Wenckman, Egon Spengler & co.]
[PREMESSA DOVEROSA NR. 2: Chi scrive questa recensione ha amato incondizionatamente sia il primo che il secondo, bistrattato moltissimo all’epoca dell’uscita. Cosa della quale nessuno si ricorda più]
[PREMESSA DOVEROSA NR. 3: In questi mesi ne avrete sentite di cotte e di crude su questo rifacimento…per la maggior parte da gente che non aveva visto il film – appena uscito negli USA – per aver trovato offensivo riportare in auge un classic del cinema con tutti i protagonisti cambiati]
A New York City, delle bizzarre studiose del paranormale pubblicano un libro che afferma che i fantasmi sono reali…finchè strane e sempre più frequenti apparizioni turberanno il sonno dei newyorchesi, che le faranno aprire un’agenzia di acchiappafantasmi.
Paul Feig, un esperto delle commedie al femminile, chiama a raccolta il meglio della comicità femminile statunitense, da Saturday Night Live alle commedie che hanno avuto più successo al botteghino, per rifondare il concetto di “acchiappafantasmi donne”.
Il risultato è sorprendente: se non state lì a piangere la scomparsa dei quattro ghostbusters originali (di cui uno veramente deceduto), vi ritroverete da subito a ridere di gusto per le gag di queste quattro attrici dai tempi comici strabilianti, e dal +1, un Chris Hemsworth in versione inedita: un segretario tanto bello quanto idiota, un ulteriore ribaltamento dei cliché sessisti che questo film ci regala.
Unica nota dolente: verso la fine chi aveva osato torna sui suoi passi, cercando di chiudere alla maniera “classica”, presentadoci invece lo stesso polpettone della sfilata dei fantasmi cattivi sulla Fifth Avenue. Per una volta ce lo saremmo risparmiati, pieni come siamo di CGI e mostri 3-D, stavolta non ne avremmo avuto bisogno. Peccato, fin lì ci eravamo proprio divertiti.

GUSTO: godersi uno dei classici hollywoodiani completamente rinnovato in verve e umorismo.

SCENA CULT: La prima, esilarante apparizione pubblica delle acchiappafantasmi, impegnate a catturare un fantasma durante un concerto heavy metal.

FRASE CULT (una delle tante!): Un’acchiappafantasmi rivolgendosi a un fantasma in fuga su un vagone della metropolitana: “Temo stia dirigendosi al Queens – sarà sicuramente la terza cosa spaventosa su quel treno!”

 

-DOC-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sorry, no post found.

7

Good