logo-cinegusti

7.2

6.9

I magnifici 7

Direttore

Antoine Fuqua

Stars

Scrittore

Produttore

Durata

Deals
Anno di produzione

2016

I disperati abitanti di un villaggio del West assoldano un gruppo di mercenari per affrontare un malvagio e avido uomo d'affari e la sua banda di sgherri.

Rose Creek è un pacifico insediamento ricco di giacimenti di ferro. Quando i cittadini si ribellano alle mire espansionistiche di Bogue, il boss e i suoi scagnozzi massacrano la gente e danno fuoco alla chiesa. Ai superstiti non resta che cercare difesa (e vendetta), che troveranno da Sam Chilsom, cacciatore di taglie, e dalla sua squadra di “magnifici” borderline, che lottano contro soprusi e ingiustizie.

La visione del film di Antoine Fuqua ci pone subito una domanda: c’era bisogno, nel 2016, di un remake del capolavoro di John Sturges del 1960, a sua volta rilettura della pagina di Storia del Cinema che è “I sette samurai” di Kurosawa? La risposta, ovvia è “no”, e il secondo sforzo richiesto dal film è la sospensione del giudizio e del confronto.

Se si superano queste barriere ci si gode un film che scorre onesto, ben diretto e ben recitato da un cast eccezionale.

L’unico dubbio è lasciato dallo script di Nic Pizzolato (‘True Detective’) che lavora sul tratteggio dei personaggi per sottrazione; e se i dialoghi ridotti all’osso regalano un paio di ottime performance (quelle di Denzel Washington e di Ethan Hawke), Sarsgaard/Bogue è un boss che sfiora spesso la macchietta, e Chris Pratt si sente sacrificato senza l’ironia esuberante a cui ci sta abituando (e che comunque traspare).

Ma nel complesso il silenzio genera un gruppo di antieroi dedicati alla loro missione: sparare e aiutare; e la coralità funziona, regalandoci un western che fa il suo mestiere.

GUSTO: Per gli amanti del western, ovviamente.

SCENA CULT:

La resa dei conti, ovviamente!

 

Pi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sorry, no post found.

7.2

Good