logo-cinegusti

7

6,3

Il Grande e Potente Oz

Direttore

Sam Raimi

Stars

Scrittore

Produttore

Durata

Deals
Anno di produzione

2013

Kansas, primi del '900. Oscar Diggs è un saltimbanco truffaldino si guadagna da vivere con qualche piccolo trucco da circo di serie B; alla mancanza di spessore professionale bilancia uno stile decisamente eccentrico. Durante una delle sue ragazzate viene catturato da un ciclone che lo scaraventa in un mondo fantastico, il regno di Oz, dove incontra streghe buone e altri curiosi personaggi che vedono in lui il tanto atteso mago di Oz. Tutti si aspettano dal protagonista che torni vincitore sul trono usurpato dalla strega cattiva. Oscar accetta la sfida.

Tornano al cinema le pagine fiabesche di L.F. Baum, autore del fantaromanzo che Victor Fleming nel 1939 trasformerà nel fortunato colossal “Il Mago di Oz”. Sam Raimi osa rimettere mano al polveroso filone per crearne un prequel che mantiene bene le promesse. Il regista de “La Casa” apre il sipario di un mondo fantastico, onirico, con una diffusa esigenza panteista di bene, e ci scaraventa dentro lo spettatore che non smette di tenere la bocca aperta sotto gli occhialetti 3D.

Il potere di Oz sono gli effetti speciali, di cui l’intera trama è in balìa; il 3D è misurato, il passaggio dal bianco/nero al colore è illuminante per l’esodo da un mondo all’altro, così come pure il formato scelto innovativo e avvolgente (come d’altronde è stato il Technicolor per Fleming nel ’39), infine l’accordo Raimi-Disney sembra aver lasciato piena libertà a entrambe le parti.

Un film che molti avrebbero voluto vedere firmato da Tim Burton, ma forse sarebbe risultato piuttosto scontato, come scontato sarebbe stato il cilindro di Oz sulla testa di Johnny Depp o Robert D. Junior; inoltre il derby con “Alice in Wonderland” segna un pacifico 1-0 in casa Raimi! Risulta curiosa e forse un po’ ruffiana la scelta delle musiche di D. Elfman, il compositore di Burton. Il cast è azzeccato pur non brillando (James Franco sta imparando ad interpretare. Coraggio!, n.d.r.) e la pellicola è più lunga del dovuto ma nel complesso è un’opera allegra e ben orchestrata!

GUSTO:

Un film su un fantomatico illusionista che svela nel Cinema la scatola magica, la vera affascinante illusione.

SCENA CULT:

Oscar Diggs risucchiato dal ciclone.

Ulysses Everett McGill

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sorry, no post found.

7

Good