logo-cinegusti

7.5

6.5

La Ragazza del Treno (a cura di Angela Farioli)

Direttore

Tate Taylor 

Stars

Emily Blunt, Haley Bennett, Rebecca Ferguson

Scrittore

Produttore

Durata

1h 52min

Deals
Anno di produzione

2016

Una donna distrutta dalla fine del proprio matrimonio comincia ad osservare ossessivamente una coppia, apparentemente perfetta, fino a quando assiste ad una scena che la lascia scioccata e si ritrova ad indagare in merito.
LA RAGAZZA DEL TRENO di Tate Taylor

“Non sono più la ragazza di una volta”. Questa è la frase che apre e chiude il film.Rachel non ha avuto una vita facile, un divorzio doloroso, la mancanza di affetti. E come spesso accade, ha deciso di affogare il suo malessere nell’alcol.

Anche Megan, giovane, bella, apparentemente sicura di sé, ne ha passate di esperienze terribili, e ha trovato rifugio nel sesso.

E poi c’è Anna, la terza donna che chiude il cerchio della trama, donna a tratti insignificante, debole, dal carattere poco interessante, ma che forse rappresenta il personaggio che alla fine mostrerà più di altri la sua evoluzione.

La storia di queste donne ha come sfondo un treno, che porta dalla periferia alla città (New York nel film, Londra nel libro) preso da Rachel tutti i giorni, e dal quale lei in qualche modo, spia la vita delle persone che vivono a ridosso dei binari. Tutto parte da questo treno, tutto finirà su questo treno. 

Una donna sparisce e si cerca la verità, ma non è sempre facile cogliere la differenza tra quello che si pensa sia successo e quello che è realmente accaduto. E sarà proprio quando la realtà prende il sopravvento sull’immaginazione che i pezzi del puzzle cominceranno a mostrare la vera crudeltà che l’essere umano è in grado di mettere in atto.

“La ragazza del treno” è un thriller che ti tiene sospeso tra realtà e immaginazione, tra sogni e ricordi. Entra dentro la psicologia dei personaggi, scoprendo le loro (e forse anche un po’ le nostre) più profonde paure e debolezze.

Quando viene rappresentato un best seller in formato cinematografico si ha sempre paura che le aspettative siano deluse. Non è questo il caso. La regia ha reso bene il racconto, seguendo i tre diversi punti di vista e rispettando quasi integralmente la versione della scrittrice Paula Hawkins.

Emily Blunt nei panni di Rachel è completamente inedita, straordinaria!

GUSTO: Per chi ama i thriller psicologici, alla “Gone Girl” per intenderci.

FRASE CULT: Officer Riley: “Quindi che cosa stava facendo durante quelle ore, quella notte?”
Rachel Watson: “Non ricordo, c’è del tempo che mi manca.”

SCENA CULT: Il momento in cui Rachel incontra la sua ex conoscente sul treno e comincia a ricordare la verità.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sorry, no post found.

7.5

Good