logo-cinegusti

8

6.4

Lettere da Berlino (a cura di Antonio Marra)

Direttore

Vincent Perez

Genere

Drama , Guerra

Stars

Emma Thompson, Daniel Brühl, Brendan Gleeson

Scrittore

Produttore

Durata

1h 43 min

Deals
Anno di produzione

2016

In seguito alla morte del loro unico figlio, una coppia di coniugi tedeschi appartenenti alla classe operaia decide di ribellarsi contro il regime nazista.

Lettere da Berlino ricostruisce la storia realmente accaduta di una coppia Anna e Otto Quangel, i quali vivono a Berlino durante la seconda guerra mondiale. Dopo la morte del loro unico figlio si rendono conto della follia che anima la Germania in quel periodo e provano ad opporsi a loro modo al violento regime distribuendo cartoline in giro per la città con frasi contro Hitler e le sue bugie, cercando di scuotere le persone affinché recuperino il controllo delle loro coscienze e la libertà di pensiero.

La loro attività non sfugge alla repressione del regime che nella persona dell’ispettore Escherich si occupa del caso fino a risolverlo. Non sono un critico cinematografico ma un semplice spettatore, posso però dire che questo è il film più bello che ho visto finora per CineGusti. Lettere da Berlino racconta in modo delicato ed efficace una storia vera che spinge a riflettere su tanti temi e oserei dire molto attuali in un periodo di difficoltà e incertezze in cui si sogna l’ uomo forte e solo al comando che ci indichi la via, il nemico da combattere che ci dica cosa sia giusto o sbagliato, come faceva Hitler in Germania nel periodo in cui vivono i Quangel, i soli che si oppongono. Pochissimi altri personaggi non condividono l’ ideologia nazista, ma la paura, il terrore e la necessità di salvare le loro vite li porta a conformarsi e a compiere gesti terribili. Come nel caso dell’ispettore Escherich, che capisce l’ingiustizia e la violenza del regime in cui vive e che egli stesso compie ma a cui non puo opporsi .

SCENA CULT: una signora anziana ebrea che, tradita dal bambino ormai adulto indottrinato dal regime, ricorda i momenti in cui da bambino gli preparava la torta e lui andava a giocare nella casa della anziana donna di cui causerà la morte.

FRASE CULT: Otto Quangel mentre prepara le cartoline contro il regime dice alla moglie:”ora mi sento libero, sono uscito dal sistema e non ho paura”

GUSTO: un film che parla alle coscienze delle persone, che stimola la riflessione attraverso la ricostruzione della storia di Otto e Anna e del clima che si viveva a Berlino durante il Nazismo. in Germania non tutti erano favorevoli a Hitler ma quei pochi che si sono opposti hanno pagato con la vita. Non bisogna essere colti intellettuali o chissà cosa altro per capire cosa è bene e cosa è male( Anna E Otto erano persone comuni ), ognuno di noi lo sa fare, lo può fare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sorry, no post found.

8

Great