logo-cinegusti

7

6,6

Mowgli – Il figlio della giungla

Direttore

Andy Serkis

Stars

Christian Bale, Cate Blanchett, Andy Serkis, Benedict Cumberbatch

Scrittore

Callie Kloves

Produttore

Steve Kloves, David Barron, Jonathan Cavendish

Durata

1h 44min

Deals
Anno di produzione

2018

Un bambino cresce nella giungla insieme a un branco di lupi fino a quando una tigre minaccia la sua vita.

Andy Serkis, famoso per aver dato voce e faccia a Gollum, King Kong e Ceasar de Il pianeta delle scimmie, riporta sugli schermi (di casa: produce infatti Netflix) la storia di Mowgli, discostandosi dalla Disney e riprendendo invece fedelmente il classico letterario di Rudyard Kipling.

Dispiace dover confrontare questa versione con il remake live action della Disney dell’anno scorso, non foss’altro che questo qui era pronto già nel 2016, prima di passare attraverso varie disavventure distributive che lo hanno costretto ad uscire solamente ora. Ma tant’è.

In questo confronto, seppure chi arriva tardi ha sempre torto, Andy Serkis ne esce a testa alta. Finalmente una messa in scena coraggiosa delle vere storie di Mowgli, reclamate da stuole di piccoli boy scouts che da anni chiedevano l’aderenza ad un personaggio soffertissimo, che non riesce a scegliere tra i lupi e gli uomini, trovando invece miele e canzonette.

La storia di Mowgli è infatti una ‘fiaba’ di formazione cupa e selvaggia (fango e sudore qui trasudano in ogni inquadratura), che ha nel dilemma tra l’essere uomo e l’essere lupo il suo cuore. Un dilemma così non può essere vissuto da un bimbo: finalmente Mowgli è impersonato da un adolescente irrequieto, che cerca di adattarsi alle leggi severissime della Giungla. Una delle regole è quella di non entrare in contatto con le scimmie, poiché sono senza legge: ulteriore prova che questo film si discosta dalla Disney è la scena del rapimento di Mowgli, che per una volta non finisce a “tarallucci e vino” con il cabarettista re delle scimmie.

Insomma una bella ri-scoperta, con personaggi ben caratterizzati, grazie anche a doppiatori di alto livello (oltre al veterano Serkis che sceglie per se’ un Baloo insolito, anche Bale-Bagheera, Blanchett-Kaa e Cumberbatch-Shere Khan).

GUSTO:

Per chi voglia conoscere il vero Mowgli.

SCENA CULT:

Il rapimento di Mowgli da parte delle scimmie: invece delle solite canzoncine, si viene trasportati in una realtà spaventosa.

PERSONAGGIO CULT:

Una delle scoperte di questo film è l’infimo assistente di Shere Khan, Tabaqui lo sciacallo (qui una iena) affetto dalla ‘pazzia’. Inquietante e delirante, come dipinto nel romanzo di Kipling.


-DOC-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sorry, no post found.

7

Good