logo-cinegusti

7

6,7

Razza bastarda

Direttore

Alessandro Gassman

Stars

Scrittore

Produttore

Durata

Deals
Anno di produzione

2012

Roman e Nicu sono padre e figlio, vivono in Italia ma sono romeni “bastardi”, ovvero imparentati con zingari. Vivono esistenze simili pur avendo caratteri profondamente diversi. La loro relazione è messa alla prova da delinquenza e spaccio di cocaina.

E’ il battesimo alla regia di Alessandro Gassmann. L’attore è anche il protagonista, Roman, un’esistenza villana ma a suo modo tenera soprattutto quando si tratta di suo figlio Nicu, un diciottenne che si affaccia alla vita. Seguirà la scelta del padre arrabbattando soldi attraverso la polvere bianca o lascerà fiorire la sua scelta etica di bravo studente con il sogno nel cassetto? La trama non è scontata, tanto meno il finale; la fotografia sfocata e in bianco/nero è la via preferenziale che il regista adotta per entrare in un mondo sporco ma fottutamente vero.

E allora non c’è bisogno di scomodare Pasolini per trovare un linguaggio che racconti le povere esistenze di persone invisibili che abitano le periferie di una società benpensante. Gassmann è bravissimo a fare il romeno, il suo accento perfetto non è affatto caricaturale e il suo personaggio chiassoso e irritante sembra provocare la tolleranza dello spettatore. Dalla sceneggiatura non traspare nessun moralismo, nessun happy ending, nessuna redenzione, perché la vita stessa spesso è infame o, per così dire, bastarda.

GUSTO:Melodramma romano/romeno tra padre e figlio in un ecosistema metropolitano alienante.

Ulysses Everett McGill

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sorry, no post found.

7

Good