logo-cinegusti

7.5

7,7

Tuo, Simon

Direttore

Greg Berlanti

Stars

Nick Robinson, Jennifer Garner, Josh Duhamel

Scrittore

Produttore

Durata

1h 50min

Deals
EUR 11,98
Anno di produzione

2018

Il diciassettenne Simon vive tranquillamente con la sua famiglia e frequenta l'ultimo anno di un liceo vicino a casa. Trascorre il suo tempo libero con gli amici Leah, Abby e Nick. Simon, però, non ha rivelato a nessuno il suo più grande segreto: essere gay.
Simon Spier è uno studente agli ultimi mesi di liceo; è simpatico, carino, con un bel gruppo di amici del cuore; figlio modello di una famiglia americana modello. Ed è gay, un segreto che tiene per sé, cercando di capire come gestirlo. Si confida solo con Blue, un misterioso ragazzo gay della scuola, di cui ignora l’identità ma col quale inizia uno scambio di mail che piano piano si fa più profondo. Quando queste mail vengono intercettate, la vita ed il mondo di Simon rischiano di andare in frantumi.

Alla base di questa che è qualcosa di più di una gradevole teen comedy c’è un fatto ineluttabile: il bisogno di nascondere la propria omosessualità davanti ad un mondo che non è ancora in grado di accettarla. Berlanti, appoggiandosi ad un ottimo script dal romanzo di Becky Albertalli “Simon vs. the Homo Sapiens Agenda” fa un gran ben lavoro con un materiale che poteva oscillare fra il macchiettistico, il patetico ed il gay-friendly a tutti i costi. Va dritto per la sua strada e tratta il soggetto con leggerezza, serietà e soprattutto senza alcun punto di giudizio. Un mix che crea empatia non solo verso Simon, ma verso tutti i ragazzi del film; persino verso il nerd sfigato ricattatore, che vive nella giungla liceale del 2018, e non ha problemi morali a ricattare Simon per farsi spianare la strada che porta al cuore della sua amica.
Pur con qualche forzatura finale (la scena del luna park scarta un po’ troppo sul romantico rispetto a tutto il registro precedente) è un bel film che andrebbe fatto vedere nelle scuole, per parlare di bullismo da tastiera, di confusioni e segreti che crescono dentro come mostri. Di indifferenza e tifo partigiano che si gonfiano e sgonfiano come le tempeste ormonali che vanno dietro agli scandali della giornata. Senza però davvero interessarsene.

GUSTO:
Per chi ama la commedia che dà sorriso e riflessione.

SCENA CULT:
Il padre messo a nudo dalla sua banalità mentre abbraccia Simon.


-Pi-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sorry, no post found.

7.5

Good