logo-cinegusti

4

6,5

Tutta colpa di Freud

Direttore

Paolo Genovese

Stars

Scrittore

Produttore

Durata

Deals
Anno di produzione

2014

Francesco Taramelli è un analista di mezza età alle prese con i problemi delle tre figlie: la prima è una libraia che si innamora di un ladro, la seconda è una lesbica che decide di diventare etero, la terza è una diciottenne che perde la testa per un cinquantenne.

Una diciottenne invaghita di un maturo padre di famiglia, una ragazza complessata dalla sindrome della zitella e una omosessuale pentita. Sono tre sorelle in cura dallo stesso psicanalista. Che poi sarebbe il loro padre…

Torna la commedia all’italiana di Paolo Genovese, quello della mini-saga di Immaturi per intenderci. Ve la ricordate? Non un’eccellenza ma si lasciava guardare. Stavolta invece nessuna pietà per queste due ore di gag strampalate tenute insieme, come suo solito, da una bizzarra colonna sonora che sembra più che altro una radio lasciata accesa durante tutto il mixaggio!
Un film scritto male e recitato peggio; le tre protagoniste poco convincenti fanno da ginepraio chiassoso a un Marco Giallini paternalista e serioso, praticamente una pubblicità della Tim lunga due ore!
Il grande Giallini dimostra professionalità e un ammirevole trasformismo ma se anche lui riesce ad annoiare (insieme agli altri) allora vuol dire che questa non era la sua parte. Gli stessi prezzemolini Gassman-Gerini-Tognazzi sono pennellate di un quadro visto e rivisto, con un risultato didascalico e davvero deludente.
Eppure il filone comico sulla psicanalisi ha sempre regalato ottimi risultati, ma non è il caso di Tutta colpa di Freud.

GUSTO: Commediola romana in salsa psico-sentimentale che regala poche risate e lascia a bocca asciutta. Povero Freud!

 

– Ulysses Everett McGill –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sorry, no post found.

4

Bad