logo-cinegusti

5

6,0

War Machine

Direttore

David Michôd

Stars

Brad Pitt, Daniel Betts, John Magaro

Scrittore

Produttore

Durata

2h 2min

Deals
Anno di produzione

2017

War Machine è un'assurda storia di guerra dei giorni nostri. Lo scrittore e regista David Michôd racconta la storia dell'ascesa e della rovina del generale statunitense McMahon in un misto di realtà e parodia. David Michôd esplora la personalità di un leader nato, molto sicuro di sé, e la strada che lo ha portato dritto verso la follia.

Afghanistan, 2008. Brad Pitt produce e interpreta la semi-biografia di un pluridecorato generale a capo delle forze NATO, con non pochi problemi di personalità e alle prese con la chiusura dei fondi bellici da parte del governo americano.

Due note: la prima è che, ad oggi, War Machine è il film più costoso mai realizzato da Netflix (60 milioni di dollari). La seconda è che regista e sceneggiatore è quel David Michod della straordinaria sorpresa Animal Kingdom, e del gradevole ma quasi invisibile The Rover (con un bravissimo Robert Pattinson nei panni di un autistico).

Avevamo già visto Brad Pitt interpretare militari un po’ anomali (Inglorious Basterds ma anche un po’ Fury). Qui la star gigioneggia senza limiti in una pellicola che sembra una commedia dell’assurdo, e invece è ispirata alla vera storia di un generale silurato da Obama, ben documentata da un articolo del Rolling Stones che costò il posto al veterano.

Insomma un film che vorrebbe denunciare la pazza macchina da guerra statunitense, attraverso interpretazioni sopra le righe (vedere anche Tilda Swinton e Ben Kingsley per credere) e risate tra i denti. L’intenzione è buona ma a Pitt, Michod (finora regista indipendente, alla sua prima prova da blockbuster) e Netflix li rimandiamo comunque a settembre: film carino ma non indimenticabile.


GUSTO:

Per scoprire il lato oscuro dell’apparato bellico in una maniera comica e surreale.


FRASE CULT:

“Non si può fare un’omelette senza rompere almeno un paio di uova…”

SCENA CULT:

La diretta TV durante la quale il generale ammette di non aver praticamente quasi mai visto il presidente USA.


-DOC-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sorry, no post found.

5

Mediocre